News

 

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Login





Cascina: lettera di contestazione alla Provincia di Pisa

Argomento: news

riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera di contestazione, relativa all'ultima Conferenza dei Servizi per l'autorizzazione al conferimento di amianto nella discarica del Tirassegno di Cascina, inviata il 6 febbraio 2012 dal Circolo di Legambiente Valdera agli Uffici Ambiente della Provincia di Pisa e della Regione Toscana, nonché al Sindaco di Cascina, all'Autorità Regionale per la Partecipazione e al Garante Regionale della Comunicazione

 


 

 In riferimento al verbale della conferenza dei servizi del 22/12/2011 avente per oggetto: “Art. 48 e 49 della L.R 10/2010 e smi - Procedimento di verifica di assoggettabilità alla VIA del Progetto di ampliamento della cella monodedicata allo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto presso la discarica Tiro a Segno nel Comune di Cascina, proponente Ecofor Service spa.“ ricevuto dal circolo Legambiente Valdera in data 01/02/2012

Premesso che:

     •   la Soc. Ecofor Service S.p.A. è titolare di una discarica per rifiuti speciali non pericolosi ubicata in
         loc. Navacchio nel comune di Cascina(PI) autorizzata all'esercizio con D.D. n. 1661 del 21/04/2010
         ai fini della messa in sicurezza e ripristino ambientale;

     •   la suddetta discarica è destinata allo smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi a basso contenuto
         organico che rispettino i limiti previsti dalla tab.5 del D.M.03/08/2005 con restrizione del
         parametro DOC a 50mg/l



     •   la suddetta discarica, attiva già prima degli anni ’80, negli anni è stata caratterizzata da continui
         ampliamenti e problemi di inquinamento ambientale, tanto che già nel 2002 era ritenuta
         necessaria la realizzazione di opere per la messa in sicurezza e successiva riqualificazione
         ambientale dell’area. Finalmente a marzo 2011 l’allora Sindaco di Cascina Franceschini annunciava
         sui giornali l’inizio dei lavori di bonifica e la conseguente realizzazione di un bel parco pubblico:
         Ecofor service avrebbe realizzato le opere di bonifica in cambio della possibilità di ampliare la
         stessa discarica di ulteriori 170.000mc per smaltirvi rifiuti inerti, recuperando così i costi sostenuti.
         Dopo aver ricevuto l’autorizzazione all’ampliamento della discarica, Ecofor service chiedeva
         all’Ufficio Ambiente della Provincia di Pisa la possibilità di smaltire Rifiuti Contenenti Amianto (RCA)
         al posto degli inerti. Tale possibilità veniva accordata modificando l’Autorizzazione Integrata
         Ambientale con Determina n.294 del 27/01/2011 consentendo lo smaltimento di 21.600mc di RCA.
         Successivamente tale limite veniva aumentato a 31.600mc.
         Ad ottobre 2011 Ecofor service presentava una nuova richiesta di autorizzazione per destinare
         79.000mc allo smaltimento di RCA e riproponeva la stessa richiesta, a distanza di appena un mese,
         per 143.200mc, lasciando propendere verso l'idea di una non chiara valutazione del progetto da
         parte dello stesso proponente se non addirittura di un atteggiamento volto a massimizzare le
        quantità conferite senza adeguati approfondimenti.

   •   la Soc. Ecofor Service S.p.A. pubblicava sul BURT il 23/11/2011 l’avvio del procedimento in oggetto

   •   la Provincia di Pisa, quale autorità competente, con nota n.336506 del 07/12/2012 convocava, ai
       sensi dell’art.14 della Legge 241/1990 e smi, le Amministrazioni interessate alla Conferenza dei
       servizi

   •   il termine per la consultazione e invio delle osservazioni da parte di cittadini era fissato per il giorno
       07/01/2012, 45 giorni dall’avvio del procedimento.

   •   la Provincia di Pisa convocava la Conferenza dei Servizi per il giorno 22/12/2011

   •   il comune di Cascina chiedeva alla Provincia di spostare la data della Conferenza dei Servizi ad anno
       nuovo in modo da poter approfondire il progetto ma tale richiesta non veniva accolta dalla
       Provincia

   •   il giorno 05/01/2012 Legambiente Valdera presentava le proprie osservazioni inerenti: tempi e
       modalità della Conferenza dei Servizi, la carenza di valutazione dei potenziali rischi sanitari per la
       popolazione, la necessità di limitare la quantità di Rifiuti Contenenti Amianto ad una quantità
       compatibile con lo stato critico della discarica e delle falde, le caratteristiche geomorfologiche e
       sismiche dell'area della discarica, la mancata valutazione di alternative strategiche, la mancata
       valutazione della provenienza dei RCA da smaltire e la mancanza di un Piano Finanziario circa i
       proventi derivanti dal cambiamento di natura della discarica rispetto ai costi della bonifica

   •   il giorno 05/01/2012 Legambiente Valdera chiedeva copia del verbale della Conferenza dei Servizi
       tenuta il 22/12/2012 che veniva inviato in data 01/02/2012.

   •   dal verbale fornito era possibile rilevare che la Conferenza dei Servizi si era già espressa a dicembre
       in modo definitivo stabilendo che non era necessaria attivare la procedura di V.I.A. per quanto
       richiesto, prescrivendo solo pochi ulteriori controlli. In sede di Conferenza veniva dato
       espressamente atto che il termine per la presentazione delle osservazioni sarebbe scaduto in un
       momento successivo alla tenuta della seduta stessa

Considerato che:

   • la Legge Regionale 10 / 2010 all'art. 49 dice:

       1. “L’autorità competente, tenuto conto delle osservazioni pervenute e dei pareri delle
       amministrazioni interessate, sulla base degli elementi di cui all’allegato D alla presente legge,
       verifica se possa essere esclusa la presenza di effetti negativi significativi sull’ambiente”...


   •   la convenzione UNECE sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi
       decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale ("convenzione di Århus") intende
       attribuire al pubblico determinati diritti e impone alle parti contraenti e alle autorità pubbliche
       alcuni obblighi per quanto riguarda l'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico e
       l'accesso alla giustizia in materia ambientale.

   • il principio di partecipazione costituisce uno dei capisaldi del nostro ordinamento; con la l.241/1990
       è stata sancita la possibilità per i cittadini di partecipare all’attività amministrativa su di un piano
       paritario con l’amministrazione. La partecipazione procedimentale è ispirata al principio di
       trasparenza, economicità ed efficacia

   •   ad oggi, le osservazioni presentate non hanno ricevuto neanche una risposta

    •   è evidente che se la Provincia ha concesso – del resto in conformità alla legge – un termine, per di
        più perentorio, per la formulazione di osservazioni è perché l’apporto delle osservazioni deve
        ritenersi fondamentale nell’ambito del procedimento, con la conseguenza che

        A) Nessuna decisione poteva essere assunta prima della scadenza del termine delle osservazioni

        B) le stesse devono obbligatoriamente essere esaminate e valutate prima dell’adozione di ogni
        determinazione e di tale valutazione ne deve emergere riscontro nell’atto assunto

Le osservazioni dovevano essere valutate e replicate prima della formulazione dei singoli pareri nell’ambito
del verbale della conferenza, palesandosi un vuoto formalismo, idoneo a svuotare di contenuti e di finalità
la partecipazione procedimentale stessa, il mero rinvio ad un loro futuro esame e deduzione.

Tale omissione tuttavia non incide solo sul profilo procedimentale, ma inficia anche il merito della decisione
assunta circa la non assoggettabilità a procedura di VIA del procedimento in oggetto, atteso che la legge
subordina tale decisione proprio alla preventiva disamina delle osservazioni pervenute

Alla luce di tale grave violazione procedimentale l’associazione Legambiente Valdera invita le Autorità
competenti a valutare il comportamento tenuto dalla Provincia di Pisa in quanto, a parere degli scriventi,
quanto deciso inderogabilmente e volontariamente prima del termine della presentazione delle
osservazioni da parte dei cittadini configura il vizio di eccesso di potere nel provvedimento amministrativo
adottato e per questo ne chiediamo l’annullamento d’ufficio in via di autotutela.

Legambiente Valdera

Pubblicato Martedi 21 Febbraio 2012 - 10:08 (letto 2213 volte)
Comment Commenti? Print Stampa

Commenti

Comment Aggiungi commento



Le ultime notizie relative a questo argomento

News 10 domande ai candidati per le prossime elezioni (17/01/2013 - 18:48, letto 2255 volte)
News Forum Acqua Valdera: campagna di Obbedienza Civile, elenco sportelli (09/04/2012 - 09:54, letto 2038 volte)
News Pontedera (Gello): lettera di contestazione alla Provincia di Pisa (21/02/2012 - 10:15, letto 1833 volte)
News Cascina: lettera di contestazione alla Provincia di Pisa (21/02/2012 - 10:08, letto 2214 volte)
News Peccioli: lettera di contestazione alla Provincia di Pisa (21/02/2012 - 09:31, letto 1945 volte)

Tutte le notizie relative a questo argomento
news.png