News

 

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Login





La Provincia di Pisa ha adottato un codice etico

Argomento: comunicato_stampa

Comunicato stampa di martedì 17 aprile 2012, a firma congiunta di Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera, Comitato Antinquinamento Castelfranco di Sotto, Comitato Cittadino Tutela Salute e Ambiente - S.Donato, Unione Inquilini - sezione Valdarno inferiore, Circolo ARCI Lago Dei Cavalieri, Lista Civica Rossoblu – Ponsacco, Legambiente Valdera, Movimento Tutela Ambiente e Territorio Montefoscoli, Comitato Tutela Ambientale Alta Valdera, Cleaner Production Center Italia

 


 

Le associazioni firmatarie di questo documento accolgono favorevolmente l'adozione della "Carta di Pisa" da parte di varie amministrazioni locali, tra le quali il Consiglio Provinciale di Pisa.

In troppe occasioni la classe politica pare prestare più attenzione alle sirene delle "lobby" che alle istanze democratiche: a titolo di esempio, ricordiamo che recentemente la società civile ha dovuto ricorrere a ben due referendum per rimuovere scelte sbagliate relative al nucleare e alla privatizzazione dell’acqua, dettate da potenti gruppi di pressione.

La Carta di Pisa è un codice etico che può migliorare il rapporto democratico tra le associazioni dei cittadini e le amministrazioni pubbliche. Secondo la Carta, infatti, l’amministratore pubblico (sia esso un eletto o un dipendente) deve:
- tenere un comportamento tale da stabilire un rapporto di fiducia e di collaborazione con i cittadini;
- favorirne l’accesso alle informazioni per l’esercizio e la salvaguardia dei loro diritti;
- rispondere diligentemente alle loro richieste relative allo svolgimento delle sue mansioni, o al funzionamento dei servizi di cui è responsabile;
- sviluppare ogni misura per favorire la trasparenza delle sue competenze, del loro esercizio e del funzionamento dei servizi di cui è responsabile;
- assumere le decisioni nella massima trasparenza e respingere qualsiasi pressione indebita rendendola pubblica ed eventualmente avviando l'azione penale;
- fornire i dati relativi alle attività professionali svolte, ai redditi percepiti, agli incarichi ricevuti nonché ai potenziali conflitti di interesse;
- evitare il cumulo di incarichi.

Alla Carta etica devono adeguarsi anche coloro che svolgono una funzione rappresentativa o esecutiva per conto dell’Amministrazione delegante in Enti, Consorzi, Comunità e società pubbliche o a partecipazione pubblica.
Dunque, per esempio, i rappresentanti della Provincia di Pisa all'interno di Geofor S.p.A. sono tenuti ad uniformarsi al dettato della Carta.

Essa contiene anche una norma "antiriciclaggio del politico": l'amministratore che negli ultimi 5 anni abbia esercitato poteri autoritativi o negoziali nei confronti di soggetti privati, nei 5 anni successivi alla cessazione del suo mandato non potrà svolgere attività lavorativa o professionale presso detti soggetti.

In un Paese dove ormai nessuno si dimette, neppure di fronte a sentenze penali, l’impegno sottoscritto dagli assessori di dimettersi dalla carica nel caso di rinvio a giudizio per reati di corruzione, concussione, mafia, estorsione, riciclaggio e traffico illecito di rifiuti è decisamente degno di nota.
Attualmente un assessore provinciale è indagato per fatti inerenti i rifiuti: speriamo che possa dimostrare la sua innocenza.
Tuttavia, nella malaugurata ipotesi di rinvio a giudizio, sarebbe opportuno che si dimettesse per onorare così il solenne impegno preso con la sottoscrizione della "Carta di Pisa.

Le associazioni firmatarie si impegneranno a far sottoscrivere la Carta di Pisa a quante più amministrazioni locali sia possibile; per contro, qualora degli amministratori non operino con diligenza, lealtà, onestà e correttezza, oppure ritardino nell’assumere le misure previste da essa, li solleciteranno a rispettarla.

Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera
Comitato Antinquinamento Castelfranco di Sotto
Comitato Cittadino Tutela Salute e Ambiente - S.Donato
Unione Inquilini - sezione Valdarno inferiore
Circolo ARCI Lago Dei Cavalieri
Lista Civica Rossoblu – Ponsacco
Legambiente Valdera
Movimento Tutela Ambiente e Territorio Montefoscoli
Comitato Tutela Ambientale Alta Valdera
Cleaner Production Center Italia



Pubblicato Martedi 17 Aprile 2012 - 14:57 (letto 1616 volte)
Comment Commenti? Print Stampa

Commenti

Comment Aggiungi commento



Le ultime notizie relative a questo argomento

News Discarica di Legoli: comunicato stampa dei Comitati dell'Alta Valdera (12/11/2013 - 17:39, letto 2100 volte)
News Pisa: nota stampa comitati post iniziativa 26 ottobre (04/11/2013 - 08:11, letto 1937 volte)
News Comunicato stampa Non Bruciamoci Pisa - 12 ottobre 2013 (17/10/2013 - 16:11, letto 2098 volte)
News DISSOCIATORE MOLECOLARE ECOFOR A GELLO: COLPITO E AFFONDATO! (04/09/2013 - 10:15, letto 2217 volte)
News Chianni, discarica della Grillaia: no alla riapertura (23/07/2013 - 16:30, letto 2242 volte)

Tutte le notizie relative a questo argomento
comunicato_stampa.png