News

 

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Login





Piccoli inceneritori crescono ...nella Provincia di Pisa e nell'ATO Toscana Costa

Argomento: comunicato_stampa

riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa del Comitato Non Bruciamoci Pisa di mercoledì 11 luglio 2012, relativo ad un recente progetto impiantistico per il quale la ditta Teseco (Pisa, loc. Ospedaletto) ha richiesto la verifica di assoggettabilità a VIA

 


 

Nessun* vuole l'inceneritore: prima a Pontedera lo hanno chiamato “dissociatore molecolare”, poi a Castelfranco “pirogassificatore” e ora la Teseco di Pisa lo chiama “essiccatore”.

Come nella favola dei fratelli Grimm del lupo e dei sette capretti, non sarà che qualcuno tuffa la zampa nella farina per nascondere i peli neri e gli artigli?

Infatti dietro il progetto della TESECO presentato in Provincia per l'assoggettabilità alla VIA dal titolo inoffensivo “Piccole modifiche migliorative ad impianti di trattamento esistenti” potrebbe nascondersi un pericoloso inceneritore.



Il progetto presenta due interventi: il primo consiste nella costruzione di un evaporatore sotto vuoto e “gate-dryer” ed il secondo di un essiccatore per i fanghi di “filtropressato” del lavaggio terre nel quale però “si prevede, in casi specifici, di trattare particolari rifiuti che necessitano di trattamento termico prima dell'avvio al lavaggio terre o all'impianto di inertizzazione”. Un processo, questo, realizzato con un forno rotante che, secondo wikipedia ” trova moltissime applicazioni industriali tra cui: processi di essiccamento, calcinazione catalizzatori e prodotti chimici, trattamento termico metalli e minerali, cottura materiali vari, industria del cemento, fusione, incenerimento rifiuti eccetera”.

Ma se è vero che si tratta soltanto di un essiccatore analogo a quelli per la produzione di conglomerato bituminoso, perché vengono dichiarate temperature che raggiungono ben 1300 °C? Ma soprattutto, perché è prevista una sezione di trattamento dei fumi tipica di un inceneritore, compreso il post-combustore, obbligatorio per legge per gli inceneritori, ma non per gli essiccatori utilizzati nella produzione di conglomerato bituminoso?

In ogni caso, sia che venga utilizzato come essiccatore o inceneritore, quest'impianto sarà un formidabile produttore di polveri fini, PM 10 e PM 2,5, in una zona già considerata satura per questo pericoloso inquinante come asserì la USL nel 2010 sul suo parere allegato alla conferenza dei servizi che poi autorizzò la stessa impresa alla realizzazione di un impianto a biomasse.

Di quanto andrebbe ad incrementarsi il carico sul territorio di Pisa sud-est non è dato saperlo: infatti, se da una parte viene dichiarata una operatività prevista annua di 20.000 tonnellate (circa un terzo dei quantitativi attualmente bruciati nell'inceneritore di Ospedaletto), dall’altra si rileva invece una potenzialità oraria di 8 ton/h, analoga a quella dello stesso impianto GEOFOR.

Sul bilancio ambientale, vanno considerate inoltre le polveri generate dai fumi di combustione del Metano per mantenere in funzione questa nuova impiantistica, un totale dichiarato annuo di 1.100.000 Nmc/anno di consumi di metano) pari a quello che consumerebbero più o meno 1500 nuove caldaie d'appartamento, alla faccia di chi dà la colpa dell'aumento delle polveri fini al riscaldamento delle abitazioni. In questo caso però gli impianti non lavoreranno solo quando fa freddo, ma tutto l'anno!

Comitato Non Bruciamoci Pisa

Pubblicato Giovedi 12 Luglio 2012 - 11:05 (letto 1572 volte)
Comment Commenti? Print Stampa

Commenti

Comment Aggiungi commento



Le ultime notizie relative a questo argomento

News Discarica di Legoli: comunicato stampa dei Comitati dell'Alta Valdera (12/11/2013 - 17:39, letto 2288 volte)
News Pisa: nota stampa comitati post iniziativa 26 ottobre (04/11/2013 - 08:11, letto 2129 volte)
News Comunicato stampa Non Bruciamoci Pisa - 12 ottobre 2013 (17/10/2013 - 16:11, letto 2292 volte)
News DISSOCIATORE MOLECOLARE ECOFOR A GELLO: COLPITO E AFFONDATO! (04/09/2013 - 10:15, letto 2427 volte)
News Chianni, discarica della Grillaia: no alla riapertura (23/07/2013 - 16:30, letto 2444 volte)

Tutte le notizie relative a questo argomento
comunicato_stampa.png