Ato Toscana Costa: presidio a Pisa, lunedý 16 dicembre


Presidio di fronte al Comune di Pisa (Lungarno Gambacorti), lunedì 16 dicembre dalle ore 14:30, in occasione dell'assemblea dell'ATO Toscana Costa sulla gara per il socio privato del gestore unico dei rifiuti.
Il Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera aderisce all'iniziativa. Segue il comunicato stampa integrale.

 


 

Invitiamo i giornalisti alla conferenza stampa di lunedì 16 dicembre alle ore 14.30 ed i cittadini e cittadine al presidio che seguirà a partire dalla stessa ora di fronte al Comune di Pisa, in occasione della riunione dell'assemblea dell'Autorità per il servizio di gestione dei rifiuti urbani dell'ATO Toscana Costa, composto dai sindaci delle Province di Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno, per deliberare sulla gara per individuare il socio privato del gestore unico dei rifiuti per tutto l'ATO, in altre parole per cedere ad un privato il controllo di un pacchetto che stimiamo di vari miliardi di euro l'anno (ma ancora ad oggi che si va alla privatizzazione il dato reale rimane sconosciuto).

Siamo contrari a questo processo di privatizzazione perché:

1. E' un processo di privatizzazione che, come altri in Italia, privatizzerà gli utili e socializzerà le perdite, in piena contraddizione con lo straordinario esito referendario del giugno 2011 per la ripubblicizzazione dei servizi pubblici essenziali.

2. La raccolta dei rifiuti urbani deve rimanere sotto il controllo dei Comuni, che ne sono i titolari per legge e che rimarrebbero schiacciati dal potere di un tale colosso. Si corre il pericolo che esperienze virtuose di raccolta differenziata adottate da molti comuni dell'ATO (alte percentuali, bassi costi, rispetto della salute) vengano azzerate.

3. La riduzione dei rifiuti alla fonte, posto al primo posto dalla normativa, non è nell'interesse degli azionisti, che invece tendono ad aumentare il loro volume di affari. La riduzione è invece l'interesse prioritario della popolazione servita perchè si riducono i costi e le ricadute ambientali; infine non sarà l'azienda a pagare le sanzioni che in un futuro verranno probabilmente previste per la mancata riduzione alla fonte, ma tutti noi, come già è successo per le sanzioni per il mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata.

4. Perchè non vogliamo che si investano ingenti capitali nel revamping dell'inceneritore di Ospedaletto la cui ristrutturazione è già costata moltissimo ed è durata solo 6 anni, dopodichè non è stato più capace di funzionare correttamente ed i limiti sui fumi sono stati superati svariate volte.

5. Perchè vogliamo che il porta a porta venga introdotto ovunque con la massima solerzia in via definitiva, e non sperimentale come a Pisa ed in un solo quartiere: non vogliamo più pagare le sanzioni per il mancato raggiungimento delle percentuali di raccolta differenziata di legge.

6. Perchè vogliamo che gli investimenti vengano impegnati per impianti “a freddo” per il compostaggio (non come quello di Pontedera che non ha mai funzionato), per impianti di separazione meccanico biologica dell'indifferenziato residuo e per sviluppare un indotto di filiera del riciclo dei materiali raccolti con la differenziata che porterebbe ricchezza e nuovi posti di lavoro nel nostro territorio e non nelle tasche di investitori lontani.

7. Perchè sono a rischio invece molti posti di lavoro nelle aziende a cui oggi sono affidati i servizi di raccolta, già di per sé in forme di sub-appalto e quindi di attività a diritti e dignità ridotti.

8. Perchè vogliamo vedere il tramonto dell'uso dell'incenerimento per smaltire i rifiuti urbani in quanto vengono bruciate materie prime (che dovremmo conservare e di cui in Italia siamo carenti) per trasformarle in fumi tossici (ancorché trattati) e ceneri pericolose (circa il 30% di ciò che entra). Per questo, no anche all'ampliamento dell'inceneritore di Livorno ed alla sempre possibile riapertura degli inceneritori di Falascaia (Pietrasanta) e di Castelnuovo Garfagnana!

Promuovono: Legambiente Pisa, Comitato NonBruciamociPisa, Confederazione Cobas, Rete Ambientale della Versilia, Comitato Acqua Bene Comune Pisa, USB lavoro privato

Aderiscono: Comitato No inceneritore per Rifiuti Zero Livorno, Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera, Movimento Tutela Ambiente e Territorio Montefoscoli, Comitato Tutela Ambientale Alta Valdera, Associazione Salviamo le Apuane, Una Città In Comune, Meetup 5Stelle Livorno, Progetto Rebeldìa-Ex-Colorificio





Articolo tratto da: Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera - http://www.cgcrvaldera.it/
URL di riferimento: http://www.cgcrvaldera.it/index.php?mod=none_News&action=viewnews&news=1386919502